=""/>

IC BETTI

La scuola primaria Salvo D’Acquisto di Camerino vince il primo premio del 14° concorso europeo “Scrivere il Medioevo”

Print Friendly, PDF & Email

Primo posto per gli alunni della scuola primaria Salvo D’acquisto di Camerino nel concorso europeo “Scrivere il Medioevo”. Artefici del successo tutti gli allievi dell’anno scolastico 2017 – 2018 con il lavoro “Natale è sempre Natale”, nato nell’ambito del progetto “Alla Corte dei Da Varano” con la motivazione:

“1^ Classificato Scuola Primaria
Scuola Primaria Salvo d’Acquisto, Camerino (MC)

Rappresentazione natalizia dove il passato medievale della città ed il presente si mescolano mettendo in primo piano i buoni sentimenti che tradizionalmente connotano questa festa. Il lavoro è vivace, spigliato, ben condotto da insegnanti e alunni, desiderosi di andare oltre la tragedia che molto recentemente ha devastato la città ed i suoi abitanti.”.

Il concorso, promosso dal comitato Antica Fiera di Santa Lucia di Piave (TV),   riservato a tutti gli alunni di ogni ordine e grado di Europa, ha richiesto come oggetto della selezione la presentazione di uno studio sul Basso Medioevo, legato al territorio di provenienza. Il lavoro eseguito dalle cinque classi della scuola, nato come progetto interdisciplinare che si propone di recuperare la memoria storica del paese e del territorio nonostante il sisma del 26 – 30 Ottobre 2016, ha voluto valorizzare il tempo del dopo mensa come laboratorio espressivo al fine di garantire la piena espressione delle singole personalità degli alunni ricordando luoghi non più percorribili, ma pieni di ricordi vicini e lontani. I bambini hanno ricreato la storica sede della biblioteca Valentiniana e altri ambienti di Camerino con disegni che hanno fatto da scenografia alla rappresentazione. Gatti, topi e piccioni sono diventati il filo narrante di un recente difficile passato da non dimenticare e punto di partenza per il futuro.

Tra le pagine di una storia locale ricca, tra le pieghe di antiche pergamene e nella polvere che si deposita sui preziosi manoscritti della storia i bambini si sono avvicinati ad usi e costumi della nostra Camerino medioevale. L’argomento trattato ha visto gli studenti come soggetti attivi in un confronto continuo tra presente e passato.

Alunni, insegnanti e genitori, il giorno 10 novembre 2018, sono andati a ritirare il premio di 700 euro a Santa Lucia di Piave dove l’accoglienza è stata straordinaria, allegra, calorosa e sincera, un caldo ed affettuoso abbraccio fatto anche di pranzi e cene offerte da associazioni locali. Un’operazione corale che vede ogni anno tutte le associazioni del luogo riunirsi ognuno con il proprio bagaglio esperienziale per un fine comune: rendere veritiero ed indimenticabile l’evento dell’“Antica Fiera di Santa Lucia di Piave”. Niente è lasciato al caso: dai calzari al piatto dove degustare pietanze dell’epoca.

Esperienza indimenticabile anche per le famiglie sempre partecipi e disponibili alla collaborazione nelle attività che vedono coinvolti i propri figli. L’organizzazione impeccabile ha permesso di conoscere la città di Conegliano Veneto e, l’11 novembre, di vivere in un’atmosfera medioevale nella Fiera di Santa Lucia dove, dopo aver cambiato moneta, si poteva acquistare il formaggio appena preparato dalle abili mani della casara o degustare marmellate di elicriso e di cipolla e raboso, dove i rapaci aspettavano di esibirsi mentre il menestrello in rima ti chiedeva il nome e ti decantava sonetti, dove i frati preparavano pane e cipolla o trippa agricola e il nobile prosecco era pronto a bagnar le labbra degli assetati così come il brulè di mele o di sambuco. L’accampamento dei Tamburini con i giacigli dove pernottare, la cucina e la tavola per il desinare … un meraviglioso tuffo in un tempo lontano!

Ringraziamo la Pro loco di Camerino e il Comune di Camerino, nella persona dell’assessore Antonella Nalli, per averci fornito il materiale informativo da portare in dono a chi ha voluto premiare per la terza volta l’impegno di chi vuole far conoscere alle generazioni future il passato in mille modi diversi, riportando in vita momenti medioevali differenti. La vincita ha reso gli alunni orgogliosi e soddisfatti del lavoro svolto insieme alle docenti. Al dirigente, professor Maurizio Cavallaro, vanno le congratulazioni per l’ennesima attestazione di merito per la scuola, nonché il plauso per la lungimiranza e l’entusiasmo con cui sempre promuove la professionalità e l’impegno dei docenti per il miglioramento di un’offerta formativa incentrata sulla multidisciplinarietà e la promozione dei livelli di eccellenza delle competenze degli alunni.